Spedizione gratuita a partire da 99€, altrimenti solo 6,90€

Confezione 6 Bottiglie Selezione Mista - de Vescovi Ulzbach

146,90 €

Disponibile e in pronta consegna

Scheda prodotto

Scheda prodotto
Formato (Litri)0.75

Kino Nero IGT Dolomiti 2018 - de Vescovi Ulzbach

Calice rubino con riflessi granata. Di buon corpo, incoraggia la beva con la sua fresca piacevolezza, ottenuta dalla combinazione ideale tra frutto e spezia. Sbuffi di pepe nero preludono, senza invadere, un piacevole bouquet di piccoli frutti. La ciliegia del Teroldego lascia presto spazio ad una fitta trama di frutti neri, quali mora e mirtillo.

Curiosità

Kino Nero è un vino che racconta la storia di Padre Kino (Padre Eusebio Francesco Chini), ed il suo legame con la famiglia de Vescovi Ulzbach. Riconosciuto come uno dei Padri Fondatori dello Stato dell’Arizona è l’unico tiroleseitaliano il cui busto è presente al Famedio di Washington (Stati Uniti d’America).

Nato nel 1645 a Segno in Val di Non, trascorse anni importanti a Mezzocorona nel Campo Rotaliano, presso il maso della famiglia de Vescovi Ulzbach. Qui incontrò Vigilio de Vescovi suo Padre Spirituale ed il fratello Ludovico, dai quali apprese i segreti della terra.

Entrato nell’Ordine dei Gesuiti, nel 1681 ricevette mandato di partire per le Americhe dove contribuì, insegnando le tecniche di coltivazione, all’indipendenza dei nativi locali. In ragione dei suoi abiti e del viso scurito dal sole divenne per tutti “il Contadino Nero”.

Nel bicchiere le varietà di uva diventano la mappa del suo viaggio: il Groppello di Revò (Val di Non), caratteristico della zona di origine di Padre Kino, il Teroldego, principe del Campo Rotaliano e infine il Merlot, varietà coltivata anche nelle aree delle sue Missioni.

Sauvignon Blanc IGT Dolomiti 2020 - de Vescovi Ulzbach

Il Sauvignon Blanc IGT - Vigneti delle Dolomiti nasce da un vigneto coltivato in Valle di Non ed è figlio della convinzione che tale territorio si distingua per essere dotato di un terroir qualitativamente unico.

Le dolci colline di questo incantevole altopiano sono caratterizzate da un enorme potenziale legato alle specificità del suolo ed alle peculiarità del clima che consentono di produrre vini di grandissima personalità ed eleganza.

Il Sauvignon Blanc, alla vista si presenta di colore giallo paglierino con delicate sfumature oro e verdoline. Al naso seduce con una nota aromatica tra cui spiccano fiori di sambuco, lime e biancospino, nel finale si riconoscono cassis e frutti esotici (ananas, mango, frutto della passione). Al palato si sprigiona una fresca e piacevole nota salata; si riconoscono le sensazioni percepite al naso arricchite da pesca bianca, mela ed ortica. Retrogusto agrumato e persistente.

Teroldego Rotaliano DOC Kretzer 2019 - de Vescovi Ulzbach

Colore dei petali di rosa. Delicatamente si annuncia con violette e geranio, ribes e fragolina. Seguono piccoli accenti di erbe aromatiche. Sorso fresco ed invitante, elegante il corpo, con un piacevole finale di mandorla fresca.

Curiosità

Il Teroldego Rotaliano de Vescovi Ulzbach è il nostro vino maggiormente rappresentativo, prodotto con uve di Teroldego Rotaliano, vitigno a bacca rossa che ha trovato nel “giardino vitato” rotaliano il suo naturale sito di coltivazione.

Diffusosi inizialmente in varie zone del Trentino ha, con l’andare del tempo, eletto definitivamente dimora nel Campo Rotaliano, la cui terra ciottolosa (resa unica dal fiume Noce, originariamente chiamato “Ulzbach”) ed il microclima creato dalle montagne circostanti si intrecciano in una combinazione ideale con le caratteristiche del vitigno, esaltandone la sua massima espressione.

La parola “kretzer” (“rosato”) deriva dal dialetto trentino “kretze” e indica le ceste fatte con tralci di vite (“sarmenti”) dove i contadini riponevano i grappoli d’uva raccolti. I grappoli d’uva poggiati l’uno sull’altro rilasciavano il loro succo dando origine ad un liquido rosato. Il nostro Teroldego Kretzer, si caratterizza per il suo aroma fruttato che, al palato, risulta secco e sapido.

Vigilius Teroldego Rotaliano DOC 2018 - de Vescovi Ulzbach

Rosso rubino scuro impenetrabile con sfumature di viola che riflettono dal calice. Profumo di bouquet intenso balsamico e speziato.

Struttura ben impostata e senza eccessi mete in evidenza una nota calda ed una forza tannica rispettosa che porta ad una sensazione di armonica pienezza alleggerita nel finale dalla nota acida del vino.

Curiosità

Vigilius (Vigilio) è il nome dell’antenato della famiglia de Vescovi Ulzbach che, nella metà del 17esimo secolo, discese in Piana Rotaliana (Mezzocorona) dalla Valle di Sole (Vermiglio), seguendo il naturale corso del fiume Noce e portando con sé l’intera famiglia, la quale coltiva il Teroldego Rotaliano da più di 300 anni.

Per questa ragione, questo nostro vino è dedicato a lui. Viene prodotto con uve di Teroldego Rotaliano e rappresenta l’intenso legame territoriale tra la famiglia de Vescovi Ulzbach e la Piana Rotaliana.

La selezione delle uve avviene inizialmente nel vigneto per poi proseguire manualmente in cantina. Il Teroldego Rotaliano ha trovato nel “giardino vitato” rotaliano la sua massima espressione ed il suo naturale sito di coltivazione, mettendo definitivamente le proprie radici in una terra ciottolosa resa unica dal fiume Noce (originariamente chiamato “Ulzbach”) e dal microclima creato dalle montagne circostanti.

Vigna Fron Teroldego Rotaliano DOC 2018 - de Vescovi Ulzbach

Rubino con bordi violacei, luminoso e consistente. Cesto di piccoli frutti con lamponi, more e mirtilli, poi ciliegia e fragola, il fiore della rosa, a seguire erbe aromatiche ed una piacevole nota di liquirizia. Assaggio piacevolissimo, di bella freschezza. Corpo di fine tannicità, persistente sulle note di fiori rossi, gustosi frutti, mandorla e fine speziatura.

Curiosità

Vigna Fron è il nome del CRU dove trovano casa le uve di questo vino, Le Fron, ottenuto dalla coltivazione di un vigneto piantato nel 1909.

Si trova in una delle migliori zone del Campo Rotaliano, nel comune di Mezzocorona. Costantemente esposto al sole, il CRU gode del generoso riverbero e della protezione offerti dalle possenti pareti rocciose del suo monte.

Il suolo si distingue per la sottile coperta di terra, che poggia sull’esclusivo letto di ciottoli e sulle sue tipiche stratificazioni alluvionali, rappresentate nell’etichetta all’interno dello stemma di Famiglia.

È una vigna talentuosa, che permette la produzione di uve a bacca rossa di qualità: il sottile equilibrio tra fragilità e ricchezza è il vero segreto di questo CRU. Vigna Fron è una “Vecchia Saggia” il cui racconto va saputo ascoltare, per essere in grado di coglierne il valore e trasformarlo in emozioni.

K900 Cuvee di Montagna Pas Dosè 2014 - de Vescovi Ulzbach

Parte timidamente su note iodate e saline che richiamano rocce umide e scogli coerenti con la matrice argillosa in cui affondano le radici. Si estende successivamente su forme più eleganti di frutta gialla croccante, agrumi e mela verde su tutti. Chiude con spiccate note minerali che ricordano distintamente la pietra focaia.

In bocca è agile, fresco, verticale con una evidente vena sapido-minerale che dona profondità ad un finale piacevolmente rinfrescante. Vino elegante che trova nell'equilibrio delle componenti dure e morbide il suo grande pregio, evidente infine l'eleganza el a finezza del perlage.